Blog

I luoghi dello spettacolo sono sicuri

Eventi dal vivo

Lo dimostra uno studio di AGIS, l’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo.

I luoghi dello spettacolo sono sicuri? Secondo uno studio di AGIS, Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, sì, i luoghi dello spettacolo sono assolutamente sicuri.

Lo studio infatti afferma che su 347.262 spettatori in 2.782 spettacoli monitorati tra lirica, prosa, danza e concerti, con una media di 130 presenze per ciascun evento, nel periodo che va dal 15 giugno (giorno della riapertura dopo il lockdown) ad inizio ottobre, si registra un solo caso di contagio da Covid 19 sulla base delle segnalazioni pervenute dalle ASL territoriali.

Una percentuale, questa, pari allo zero e assolutamente irrilevante, che quanto i luoghi che continuano ad ospitare lo spettacolo siano assolutamente sicuri.

Quelli dello spettacolo sono luoghi sicuri
Lo studio di AGIS dimostra che i luoghi dello spettacolo sono luoghi sicuri.

Il risultato dello studio è stato reso noto alla vigilia del nuovo DPCM contenente le ultime misure anti-Covid, accompagnato dalle parole di Dario Franceschini, Ministri dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che ha affermato che “non vi saranno ulteriori riduzioni delle capienze dei luoghi di spettacolo”.

Tutto ciò rincuora un settore già in crisi – ne abbiamo parlato qui – che sabato 10 ottobre ha manifestato disponendo 500 bauli in piazza Duomo a Milano creando un’atmosfera volutamente funebre.

La piazza era gremita di bauli, quelli che di norma contengono tutto il materiale per allestire uno spettacolo dal vivo, ma questa volta vuoti. Dietro questi flight-case, i volti del mondo degli eventi: scenografi, fonici, fotografi, organizzatori… una categoria lavorativa che più di altre ha pagato il conto lasciato dal Coronavirus ma che, nel rispetto delle regole è pronta a ripartire.

Leave Comment

error

Ti è piaciuto questo articolo? Se ti va condividilo!